Beautiful

BeautifulBeautiful

Maisie è, a detta di tutti, una ragazza carina e fortunata. Ha una vita normale, una famiglia e un fidanzato che le vogliono bene e una passione per la corsa. Una mattina però, mentre si allena, la sua esistenza cambia in modo drammatico. Vittima di un incidente, si ritrova con il viso deturpato e, anche se potrà sottoporsi a un importante intervento chirurgico, non sarà per nulla semplice, dopo, riconoscersi e ritrovare se stessa. Alyssa Sheinmel, scrittrice apprezzata dalla critica, tratta un tema importante con una scrittura potente, raccontando il dramma di una ragazza che cerca di ricostruire la propria identità, punto di partenza per poter rinascere.

Recensione

Il primo libro scelto per il Rainbow Book Club è stato Beautiful. Ho storto il naso fin da subito, pensando fosse una di quelle storie che non fanno per me. Per fortuna mi soon ricreduta dalla prima parola.

La storia di Maisie è molto particolare ma anche molto bella. Lei, ragazza modello, resta vittima di un bruttissimo incidente. Durante la sua abituale corsa mattuttina scoppia un temporale e un albero tira giù dei cavi che la comprometteranno per sempre. Le ustioni sono gravissime, metà del suo corpo è bruciato e metà della sua faccia si è sciolta. Decide così di accettare un trapianto facciale parziale. Al suo risveglio però non sarà la Maisie che tutti conoscevano, il cambiamento non è solo fisico ma anche personale…

Durante le tappe del gruppo di lettura ci siamo chieste tutte come avremmo reagito davanti ad una tragedia simile. Ritrovarsi una mattina con il volto di un’altra persona non credo sia così semplice. Alyssa Sheinmel questo lo ripete spessissimo, ogni volta che Maisie si guarda allo specchio pensa alla donna che le ha ridato un volto.

Nonostante la particolarità del dramma il romanzo non risulta affatto pesante o noioso anzi si scopre avvincente e voler scoprire la nuova Maisie fa passare quasi in secondo piano la tragedia che l’ha colpita. Ho detto quasi. Ogni giorno deve combattere con una faccia non sua, con i genitori, con i compagni di scuola e con il fidanzato perfetto, Chirag.

A parte la madre di Maisie non ci sono stati personaggi che non mi sono piaciuti. Nemmeno per un momento ho pensato che Chirag fosse più di un ragazzo di sedici anni, innamorato di una ragazza che purtroppo non esiste più. Nemmeno per un attimo ho pensato di incolparlo per gli avvenimenti che l’autrice ci presenta.

Ho adorato, letteralmente, Serena. La sua genuinità ha fatto da bilanciere per tutte le cattiverie che Maisie deve subire. Nessuno di noi è davvero perfetto nei suoi atteggiamenti ma Serena mi ha dato l’impressione di una persona che può affrontare di tutto, per il benessere della sua amica.

Pur non essendo un genere che amo particolarmente, Beautiful mi ha tenuta incollata alle pagine. Doverlo leggere “a pezzi” è stato faticosissimo, la voglia di proseguire e di capire è stata sempre troppa. Se cercate una storia dolce e intensa, Beautiful è quello che fa per voi.

#2017readingchallenge


Acquistami: Beautiful

[penci_review]

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: