Dracula

Dracula - Bram StokerDracula

Scritto da Bram Stoker nel 1897, fin dal suo primo apparire Dracula ha fornito l’archetipo alle numerose storie di vampiri che si sono succedute nella letteratura e nel cinema. Ispirato alle figure storiche del principe romeno Vlad II detto Dracul (“il diavolo”) e di suo figlio Vlad III, l’Impalatore, Dracula-Nosferatu (colui che non more, il morto vivente) è un personaggio più che mai inquietante. Nel tratteggiarlo Bram Stoker ha dato fondo a tutte le risorse della sua fantasia e a tutti gli espedienti di un calibratissimo mestiere. E queste pagine si sprigiona così una magia che giunge fino alle soglie dell’incubo. Dracula rappresenta infatti in modo del tutto originale l’eterna vicenda della lotta tra il Bene e il Male, sullo sfondo di una storia che scaturisce direttamente dall’inconscio e, come tale, parla in termini che si impongono immediatamente alla fantasia di ciascuno di noi, per entrare nei nostri sogni più spaventosi. Né bastano esorcismi razionalistici a toglierle l’irresistibile suggestionerà possente ossessività che la pervade.

La storia di Dracula mi ha sempre affascinata. Le storie che preferisco però son quelle attuali, più moderne e più romanzate. Tuttavia, Bram Stoker è stato uno dei primi se non il primo in assoluto a raccontare la sua storia dando così vita ad un genere di tendenza molto attivo anche nell’era moderna.

La novità in questa lettura è stata la non-lettura ma l’ascolto. Ebbene sì, ho provato per la prima volta un AudioBook sfruttando il mese di prova regalatomi da Amazon. L’esperienza di ascolto è… strana. Abituata a leggere le parole di un libro ho trovato discrepanze tra la lettura e la scrittura e ho preferito l’ascolto in questo caso. L’ascoltare le diverse voci con i rumori di sottofondo… wow!

Ovviamente la storia ha fatto la sua parte, Stoker ha fatto sì che tutto ciò che oggi sappiamo sui vampiri arrivasse dal suo Dracula. Quindi sì all’aglio, all’ostia consacrato, al paletto di frassino e ai crocifissi. Sì alla non-morte e a tutto quel che ne consegue. Sì ai castelli tetri e macilenti.

Sì ai vampiri! I vampiri vincono sempre, insieme ai licantropi. Segretamente spero di diventare un vampilantropo e iniziare così una nuova era di creature macabre… Questa volta non vi consiglio la lettura di Dracula ma il suo ascolto!

5 stelle

#2016bingoreadingchallenge

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: