Dralon

DralonDralon

La famiglia Moffet è una famiglia come tante. Conduce una vita semplice e tranquilla in una graziosa casetta a due piani nei sobborghi di Londra… questo, fino a quando non riceve, per mano di uno strano postino, un misterioso pacco che la catapulterà, senza volerlo, in un mondo sconosciuto e fantastico; un mondo al contrario, popolato da bastoni e ciottoli parlanti, scarpe che danno il benvenuto, custodi di sasso, lampade e calderoni magici, indovini burloni e fiammiferi urlanti in grado di svelare strade segrete.

Un magico e avventuroso viaggio che porterà i protagonisti a scontrarsi contro malvagie forze oscure e a percorrere gli impervi sentieri del cambiamento e della crescita interiore.

La famiglia Moffet è una normale famiglia londinese. Composta da papà Romeo, mamma Elianor e i figli Peter, Micheal e Kate. Tutto in casa Moffet indica che quella sarà una giornata come tutte le altre finchè uno sconosciuto si presenta alla porta di casa dicendo loro che hanno ricevuto un misterioso pacchetto. Immaginatevi lo stupore di scoprire che il pacchetto contiene una pendola, una pendola magica per di più!

Inizia così l’avventura per Dralon di questa famiglia. Dopo aver azionato la pendola e quindi rotto un incantesimo che manteneva l’equilibrio tra mondo umano e mondo magico, le tre pesti di casa Moffet saranno costretti a riparare al danno fatto.

Quanta magia può racchiudere una storia di appena poco più di 250 pagine? Molta. Ma non abbastanza per coinvolgermi completamente. I personaggi sono concepiti benissimo per la storia ma non me ne sono innamorata. Micheal l’ho detestato fin dalle prime pagine mentre ho trovato molto tenera la piccola Kate, innamorata della pendola fin dal primo sguardo. Romeo è il personaggio che ho più compatito, con una moglie del genere e con quei figli! Pover’uomo!!!!!

Quello che ho maggiormente apprezzato è stata l’ambientazione. Una Londra normale che cela una Londra magica, più interessante della comune città inglese. Mi sono appassionata alla storia ad ogni capitolo ma alla fine si tratta pur sempre di una storia adatta ai ragazzini. Sicuramente il mio cuginetto di 8 anni riuscirà a cogliere quello che io, alla mia età, mi son fatta sfuggire.

3 stelle

#2016bingoreadingchallenge

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: