Fatal Flash

fatal flashFatal Flash

Aaron Dallas ha ventotto anni e si è lasciato alle spalle un passato segnato da ombre e rimpianti. A sedici anni ha deciso di eliminare per sempre suo padre, un uomo alcolizzato e violento che ha abusato di sua sorella Lucy. Successivamente causa per errore una sparatoria nella quale il suo mentore, suo fratello Dylan, resta in coma vegetativo. Ora Aaron studia per l’abilitazione da avvocato e si mantiene lavorando in un pub o disputando incontri di boxe clandestini. È da sempre attratto da Kim Kerr sua amica di infanzia, modella e fotografa trentenne. Una notte di novembre ella viene stordita e violentata dopo aver salutato Aaron all’uscita dal pub dove egli lavora. Kim si sveglia la mattina seguente in camera sua, senza poter ricordare dell’aggressione. Nonostante i segni sul suo corpo si facciano sempre più evidenti, fatica ad accettare l’amara conclusione che possa trattarsi di un’aggressione. Disperata si avvicina ad Aaron e l’attrazione reciproca porta i due ad abbandonarsi ad una travolgente relazione. Fatal Flash è il libro d’esordio di Alessandra Dilor.

Aaron è un avvocato che si sta affermando a New York. Ma è anche un uomo che disputa incontri clandestini di boxe. Kim Kerr è una modella che preferisce la fotografia alle passerelle. Li impariamo a conoscere in due tempi, nel passato e nel presente. Un anno prima Aaron vive a New Orleans, lavora in un locale per pagarsi gli studi e cerca in tutti i modi di dimenticare il suo passato. La morte del fratello a causa sua, la morte del padre colpevole di aver abusato per anni della sorellina Lucy e una madre a cui importa poco cosa succede in casa. Kim è un’amica che dopo tutte le disgrazie capitate ad Aaron e anche a lei, in seguito allo stupro, decide di allontanarsi dal ragazzo. Un anno dopo Aaron è un avvocato in ascesa e Kim si è affermata come modella e fotografa. Ma la loro pace viene turbata da un ricatto nei confronti di Aaron e che coinvolgerà direttamente anche Kim.

Ho trovato pesante la lettura. Oltre alla mole di pagine da leggere, anche il salto temporale ha reso la lettura pesante. Tra i capitoli non c’è una netta distinzione tra “un anno prima” e “un anno dopo” bensì viene menzionato l’anno precedente ma all’improvviso vieni nuovamente catapultato nel presente e onestamente ho fatto una fatica bestiale a scindere i due tempi. Sarebbe stato forse più semplice per me avere una netta distinzione, per capire anche meglio i personaggi. Non nego che la trama abbia degli ottimi spunti su cui poter ricamare una bella storia nè che questa sia stata una brutta storia ma quando un libro ti diventa ostile non c’è verso di farsi piacere la storia successivamente. Alla fine i personaggi mi son diventati odiosi e ho terminato la lettura più per dovere che per piacere.

3 stelle

#2016bingoreadingchallenge

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: