La distanza tra me e te

La distanza tra me e teLa distanza tra me e te

Isabel abita a Roma: poco socievole, precisa, abitudinaria, programma la sua vita nel dettaglio. Non sopporta le sorprese, non le piace cambiare i suoi piani all’ultimo momento e considera l’imprevisto un vero nemico. Andreas vive in un piccolo bilocale a Torino, dove gestisce l’officina del padre. Ama la compagnia degli altri, il rischio e l’avventura. Due mondi incompatibili, uniti solo da una comune passione: i cani. Entrambi ne hanno uno, a cui sono legatissimi. Ed è proprio quando li accompagnano a una gara, che Isabel e Andreas s’incontrano. O per meglio dire, si scontrano, perché l’impatto non è dei migliori. Quasi per gioco, i due prendono a scriversi su Facebook. Brevi messaggi conditi da ironia e frecciatine. Sarebbe tutto perfetto, se Isabel non fosse sposata e Andreas fidanzato…

Recensione

Seconda opera di Lucrezia Scali, La distanza tra me e te, mi ha convinta solo a metà.

Un uomo e una donna che non potrebbero essere più diversi trovano un punto in comune: l’agility dog. È durante di una questa gare che Isabel e Andreas si scontrano e iniziano una relazione fatta di messaggi su Facebook. Isabel è insoddisfatta della propria vita, Andreas ha preso il posto del padre in officina ma non si sente davvero soddisfatto.

Come dicevo poco prima il romanzo mi ha soddisfatto a metà. La scrittura di Lucrezia la adoro, è semplice e leggera. Questo è uno dei motivi per cui seguo con molto piacere il suo blog. La storia però non mi ha trasmesso molto. La scrittura è sicuramente maturata rispetto al primo romanzo, Te lo dico sottovoce, ma è proprio il genere della storia che non mi convince.

Trovo inverosibile, ma nemmeno troppo, che due perfetti sconosciuti che vivono a 800 km di distanza inizino a flirtare tramite FB. Oddio, presumo che capiti più spesso di quel che immagini, ma non mi ci vedo due trentenni a farlo. Forse mi ci sono immedesimata troppo?

Isabel è antipatica. Per me lo resta dall’inizio alla fine. Insoddisfatta, piena di sé, relegata in veste di moglie e casalinga perfetta, con la vita programmata al millesimo e guai ad un fuori programma. Andreas tutto l’opposto. Vive alla giornata, adora il suo cane e stare con gli amici, non programma niente e coglie tutto quello che di buono offre il giorno.

E poi c’è Mattia, il marito di Isabel. Più che altro direi un accessorio, un pezzo di arredamento… troppo poco spessore nonostante la posizione di prestigio che ricopre nel suo lavoro…

Non capisco come possano trovare un terreno comune se non fosse per i due cani identici: Frida e Ulisse. Mi piace l’idea che nei romanzi di Lucrezia ci sia abbastanza spazio per i pelosetti di casa perchè oltre ad essere adorabili è innegabile di quanto amore possano dare senza chiedere niente.

Per il resto salvo Simone, il fratello imbecille di Isabel. Lui mi ha fatto davvero ridere di cuore!

#2017readingchallenge


Acquistami: La distanza tra me e te

[penci_review]

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: