La donna dei fiori di carta

donnaLa donna dei fiori di carta

Il monte Fumo è una cattedrale di ghiaccio, teatro di una battaglia decisiva. Ma l’eco dei combattimenti non varca l’entrata della caverna in cui avviene un confronto fra due uomini. Uno è un prigioniero che all’alba sarà fucilato, a meno che non riveli nome e grado. L’altro è un medico che ha solo una notte per convincerlo a parlare, ma che ancora non sa che ciò che sta per sentire è molto più di quanto ha chiesto e cambierà per sempre anche la sua esistenza. Perché le vite di questi due uomini che dovrebbero essere nemici, in realtà, sono legate. Sono appese a un filo sottile come il fumo che si leva dalle loro sigarette e dipendono dalle risposte a tre domande.

Chi è il prigioniero? Chi è Guzman? Chi era l’uomo che fumava sul Titanic?

Questa è la storia della verità nascosta nell’abisso di una leggenda.

Questa è la storia di un eroe insolito e della sua ossessione.

Questa storia ha attraversato il tempo e ingannato la morte, perché è destinata al cuore di una donna misteriosa.

La donna dei fiori di carta è in realtà un romanzo breve lungo solo 170 pagine. Da Carrisi mi aspettavo qualcosa di diverso visto i precedenti romanzi letti e che consiglio. Non nego che si tratta di una bella storia dove tutto gira intorno alla donna, che sia del protagonista o che sia lei stessa la protagonista di una storia poco importa.

Non manca il mezzo lieto fine ma a me ha lasciato l’amaro in bocca. Spero che gli ultimi due romanzi ricalchino i primi due come genere. Questa specie di noir non è un genere che mi intriga troppo.

Un libro alla fine della tua lista di libri da leggere

#2015readingchallenge

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: