La libreria dei nuovi inizi

La libreria dei nuovi iniziLa libreria dei nuovi inizi

C’è una vecchia libreria, a Shelter Island, dove ad aggirarsi in cerca di compagnia e buone letture non sono solo gli affezionati clienti. Qui, tra stanze in penombra, riccioli di polvere e parquet scricchiolanti, i libri hanno davvero un’anima e, quasi godessero di vita propria, sanno farsi scegliere dal lettore giusto al momento giusto… Che non si tratti di una libreria come le altre Jasmine lo capisce subito: in fuga da Los Angeles e da un ex marito che le ha spezzato il cuore, non si aspetta certo che ad accoglierla, accanto all’eccentrica Zia Ruma, siano gli spiriti della Grande Letteratura. E quando la zia parte, affidando proprio a lei la guida del negozio, saranno Shakespeare ed Edgar Allan Poe a svelarle a poco a poco i segreti del mestiere. E se Beatrix Potter la aiuterà a sedare orde di bambini scatenati e Julia Child le consentirà di accontentare anche le signore più esigenti in cucina, come potrà Jasmine resistere alle suadenti parole di Neruda, deciso, a quanto pare, a spingerla tra le braccia di un affascinante sconosciuto? La libreria dei nuovi inizi è una irresistibile commedia romantica, e insieme un omaggio lieve e incantato al potere della letteratura. Perché in un buon libro c’è tutto: le emozioni, gli incontri e le risposte che possono anche cambiarci la vita.

A Shelter Island esiste una libreria magica. Questa è l’impressione che ho avuto quando Jasmine, in fuga da un matrimonio fallito e da una carriera a Los Angeles, entra per la prima volta nella libreria della zia Ruma. Seppur riluttante a farlo all’inizio, scopre ben preso che la libreria nasconde un magico segreto: gli autori scomparsi le raccontano cosa vogliono i clienti, la aiutano a gestire e ricostruire la sua malandata vita sentimentale. E come tutti i libri romantici che si rispettino ecco che fa capolino Connor Hunt. Chi è? Potrebbe essere lui la cura al dolore di Jasmine?

Una bella storia, non c’è che dire! Originale, dolce, romantica e… scontata. Non amo i romance. Non amo i libri che ostentano l’amore, Non amo i libri che vogliono trovare il lieto fine a forza, quelli che se non finisce con “e vissero tutti felici e contenti” sembra che non siano completi. Jasmine è un personaggio ferito, deve ricostruire la sua vita dopo un matrimonio fallito (mi ricorda Emily de Il diario di velluto cremisi) e scappa dalla sua vita nella speranza di ritrovare la serenità. E’ la zia Ruma a darle questa possibilità, esattamente come Bee. E se Emily si prodiga a scoprire la verità sul diario cremisi, Jasmine impara ad ascoltare i libri e i suoi autori. Poi arriva Connor e tutto sembra trovare il proprio posto nel mondo.

La libreria dei nuovi inizi è un libro leggero, esordio dell’autrice Anjali Banerjee. Anche se non è esattamente il mio genere preferito è stata una lettura piacevole, veloce e armoniosa. Ho trovato alcuni capitoli noiosi e davvero oltre il mio limite sopportabile ma nel complesso carino.

3-rating

#2016bingoreadingchallenge

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: