La linea sottile

La linea sottileLa linea sottile

Quando Beth torna dal college per l’estate nella piccola cittadina di Queen’s Creek, in Arizona, non sa che la sua vita sta cambiare. Senza rendersi conto di come o perché, si ritrova a passare attraverso uno specchio e finisce in un mondo apparentemente simile al suo, ma non del tutto identico. Nella realtà al di là dello specchio, infatti, la madre di Beth, morta suicida anni prima, è viva e vegeta e le appare davanti canticchiando mentre si appresta a fare il bucato. Anche suo fratello maggiore, Joe, scomparso da mesi, si aggira per casa in tutta tranquillità e la sua sorellina più piccola, Amy, da tempo ricoverata in una clinica psichiatrica, sembra stare alla grande. Beth scopre che qualsiasi specchio diventa una porta, sotto le dita di chi, come lei, possiede il Dono. E che attraverso quella porta si può avere accesso a infinite possibilità. Infiniti mondi alternativi. Assieme al suo amico immaginario, Peter, e alla sua migliore amica, Charlie, Beth scoprirà la verità sulla sua famiglia e verrà coinvolta in un qualcosa che si rivelerà essere più grande di lei. Qualcosa che potrebbe mandare in frantumi la sua vita. Riuscirà a vegliare su coloro che ama e, allo stesso tempo, a fare la cosa giusta prima che sia troppo tardi?

«In ogni universo parallelo le cose sono differenti, le persone lo sono. Si tratta di una linea sottile, ma questo devi sempre rammentarlo e devi imparare a fare più attenzione o loro potrebbero venire a cercarti.»

La scelta di leggere La linea sottile di Denise Aronica è stata del tutto casuale. Non amo i libri fantascientifici e credo che non mi piaceranno mai. La storia di Beth è una storia triste, fatta di tragedie, di morte e di solitudine. Da quando la madre è morta suicida e la sorella è stata ricoverata per schizofrenia, i rapporti con il padre si son ridotti ai minimi termini e non aiuta di certo la scomparsa del fratello Joe in guerra. La prima immagine che ci si presenta è infatti Beth dal suo psicologo dove nega di aver visto di nuovo Peter, considerato da tutti il suo amico immaginario. Questo è uno dei motivi per cui tra Beth e suo padre ci siano ben pochi rapporti. Le uniche due persone a supportare la ragazza sono la sua migliore amica Charlie e Peter, che nessuno può vedere o sentire a parte lei. Un giorno Beth esprime il desiderio di poter vivere una vita diversa e… puff! Si ritrova magicamente in un mondo parallelo dove la sua famiglia è tutta intera, nessun morto, nessun internato e nessun scomparso. Capisce allora che gli specchi sono le porte che ti conducono verso una realtà diversa ma che non sempre questo è sinonimo di felicità.

Sapere di avere un Dono è qualcosa che ho sempre desiderato. Da pagana poi mi piacerebbe “vantarmi” del mio potere nascosto per fare del bene ma so che è rarissimo che ciò avvenga. Anzi, direi impossibile. Detto questo non sono rimasta positivamente coinvolta da questo romanzo. Denise mi aveva strabiliata con Il segreto della crisalide, Olivia mi aveva rapita fin dalle prime pagine e mi aveva tenuta incollata alle pagine del Kindle per ore intere. Per assurdo anche Beth lo ha fatto, ma per il motivo opposto. Non vedevo l’ora di terminare la lettura per passare a qualcosa che mi fosse più congeniale.

La scrittura di Denise è scorrevole, i capitoli sono lunghi il giusto ma la storia non mi ha convinta. Proprio dal momento in cui apre bocca Beth, con i suoi dubbi e i suoi drammi, la sua incapacità di aiutare una sorella in difficoltà o non poter accettare che forse Peter non è solo il suo amico immaginario ma qualcosa di più. Sarà anche che mi aspettavo una storia meravigliosa come quella di Olivia… o forse il suo essere “acerba” come scrittrice nel momento in cui ha pubblicato La linea sottile? Non lo so, davvero.

Ahimè non si può piacere sempre a tutti e spero di cuore che Denise non la prenda troppo a male per questo mio pensiero. Magari tra qualche tempo imparerò ad apprezzare questo genere di romanzo e rileggendolo potrò dare un voto positivo… ma per adesso nè la storia nè i personaggi mi hanno fatto emozionare abbastanza da poter leggere il seguito.

2 stelle

#2016bingoreadingchallenge

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: