La meraviglia degli anni imperfetti

La meraviglia degli anni imperfettiLa meraviglia degli anni imperfetti

La luna illumina d’argento la stanza. Fran vuole fuggire da quelle mura e da sua madre che non si è mai occupata di lui. Nel piccolo sobborgo di Madrid in cui è cresciuto passa le sue giornate con l’amico Eduardo e sua sorella Tania di cui è perdutamente innamorato. I due ragazzi non potrebbero essere più diversi da lui. Figli di una famiglia benestante frequentano le scuole e gli ambienti più esclusivi. Eppure Fran sente che dietro quell’apparenza dorata si nasconde qualcosa. Sente che non sono mai stati del tutto sinceri. Quando Tania sposa all’improvviso un uomo dal passato oscuro, i dubbi si trasformano in certezze. Il fratello comincia a lavorare per lui e da quel momento non è più lo stesso. Fran ha bisogno di sapere come stanno veramente le cose. E una risposta può arrivare solo dalle persone che ha sempre creduto vicine e ora sembrano le più lontane. Ma Eduardo ha bisogno del suo aiuto: gli consegna una chiave misteriosa da custodire chiedendogli di non parlarne con nessuno. Pochi giorni dopo il ragazzo scompare. Da quel momento Fran ha un solo obiettivo: deve sapere cosa è successo. Deve scoprire cosa apre quella chiave. Il suo amico si è fidato di lui. La ricerca lo porta a svelare segreti inaspettati. Lo porta su una strada in cui è sempre più difficile trovare tracce di Eduardo. Perché ci sono indizi che devono rimanere celati e a volte il silenzio dice molto di più di tante parole.

Recensione

Pronti per una nuova recensione? Oggi vi parlo dell’ultima fatica scritta da Clara Sanchéz, La meraviglia degli anni imperfetti. Questa ahimè non sarà una recensione positiva perchè, come capita ultimamente con i suoi libri, c’è qualcosa che non mi convince.

Fran è appena poco più di un bambino quando lo conosciamo. La madre non se ne prende cura e il padre è spesso via per lavoro e Fran viene lasciato da solo, gli unici amici che ha sono uno squinternato chiamato Alien e Eduardo, il suo migliore amico. Gli anni passano e i ragazzi crescono finchè un giorno Eduardo scompare misteriosamente e Fran non può far altro che indagare e trovarlo.

Qualsiasi cosa io abbia letto della Sanchéz dopo Il profumo delle foglie di limone mi lascia con l’amaro in bocca. Non ritrovo il suo stile in nessun romanzo successivo e son sempre più convinta che non sia più lei a scriverli. Anche questa volta infatti nemmeno a metà lettura mi è venuto a noia e solo la scomparsa di Eduardo ha riacceso in me un minimo di interesse.

Ma proprio minimo perchè ormai il mio interesse era talmente basso che non ho goduto del resto della lettura. Avete presente quando dovete fare una cosa che odiate fare e la fate solo perchè dovete, senza badare a quello che fate davvero? Ecco, è successa la stessa cosa. Prevenuta? Forse!

Dopo aver finito la lettura de La meraviglia degli anni imperfetti la mia curiosità ha preso il sopravvento e sono andata a dare una sbirciata a cosa era stato detto sul web. I pareri sono discordanti ma ho notato ovazione se era stato regalato dalla CE mentre un giudizio più “normale” è stato dato da chi non aveva interesse alcuno a elogiarlo.

Per me resta una delusione, soldi veramente buttati dalla finestra.

#2017readingchallenge


Acquistami: La meraviglia degli anni imperfetti

[penci_review]

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: