Le notti di Salem

salemLe notti di Salem

Una casa abbandonata, un paesino sperduto, vampiri assetati di sangue. Quando il giovane Stephen King decise di trapiantare Bram Stoker nel New England sapeva che la sua idea, nonostante le apparenze, era buona, ma forse neanche la sua fervida immaginazione avrebbe saputo dire quanto. Era il 1975 e, da allora, il racconto dell’avvento del Male a Jerusalem’s Lot, meglio conosciuta come ‘Salem’s Lot, non ha mai cessato di terrorizzare milioni di lettori, consacrando il suo autore come maestro dell’horror. Protagonista della storia è Ben Mears, uno scrittore che torna ai luoghi della sua infanzia – la buona, vecchia provincia americana – per esorcizzare una terribile esperienza avuta da ragazzino a Casa Marsten, il tetro e minaccioso edificio che domina il villaggio. Ora la spettrale dimora l’accoglie a occhi aperti, o meglio, a finestre illuminate. Ma chi è il sedicente signor Barlow, il nuovo proprietario? Perché la sua presenza è percepibile solo dopo il tramonto? E che cosa sta succedendo ai pacifici abitanti del Lot? Un geniale connubio tra orrore soprannaturale e quotidianità, un omaggio alle nostre paure più profonde, sconfinate e irrazionali e, come i mostri sotto il letto, così improbabili ma così… reali.

Ho letto Le notti di Salem sul mio adorato Kindle, di cui non posso farne a meno. Scelto per essere piazzato nella mia challenge nella categoria del libro pauroso, me ne ero quasi pentita dopo il 25%. Arrivata al 50% della lettura ero già stufa di Ben e di Susan e di sua madre e del prete… insomma mi stavo annoiando! Chiunque abbia sentito il nome di Salem suppongo lo abbia sempre associato alle streghe, la serie tv infatti di questo parla, mentre ne Le notti di Salem King parla di vampiri. Il titolo infatti può trarre in inganno dal momento che la città che i protagonisti definiscono il Lot in realtà si chiama Jerusalem’s Lot. A questo punto ero arrivata al 75% convinta di aver scelto un libro che non aveva niente di pauroso. Complice la serie tv e il susseguirsi del libro, finalmente inizio a leggere scene che mi turbano. Evviva! Ho letto il restante 25% del libro in due notti attenta ad ogni minimo rumore…

Un libro che ti ha fatto paura

#2015readingchallenge

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: