Le tartarughe tornano sempre

Le tartarughe tornano sempreLe tartarughe tornano sempre

Una storia che commuove e conquista come solo i grandi libri sanno fare. Un grande amore: difficile e denso di avversità, ma intenso e necessario. Una realtà che fa paura: quella di persone disperate che si buttano in mare perché credono che sia l’unica alternativa per sopravvivere. E un bambino e una bambina, un ragazzo e una ragazza, un uomo e una donna che, attraverso mille e più traversie, trovano il significato del loro amore e del loro destino.

Salvatore, Giulia e sullo sfondo l’isola. Due ragazzi così diversi eppure così simili, Salvatore è nato sull’isola e ha sempre vissuto sull’isola, Giulia vive a Milano ma trascorre le sue estati sulle spiagge di Lampedusa. Ed è qua che i due si innamorano, un amore che sembra perfetto e che viene mantenuto vivo da tante lettere rosa. Un amore che però viene messo alla prova un pomeriggio quando tra le onde si scorge un corpo e poi un altro e un altro ancora. Sono neri, con gli occhi bianchi. Sono morti, sono tutti morti.

Salvatore e Giulia si ritrovano catapultati nel mondo degli adulti nel modo più terribile, senza filtri, senza essere preparati. Iniziano i primi di una lunghissima serie di sbarchi. La storia d’amore tra Salvatore e Giulia viene stroncata così, da un ragazzo morto sulle spiagge dell’isola. Ma non si danno per vinti, Salvatore cerca Giulia a Milano, poi torna a Lampedusa per tornare di nuovo a Milano con Alida. Aiutare i migranti diventa fondamentale per Salvatore che è convinto che l’isola è di chi resta e non di chi parte.

La differenza tra Milano e Lampedusa è palpabile. Milano, grigia e tetra, sempre di corsa. Lampedusa, limpida e luminosa, dove si conoscono tutti. Napolillo descrive la situazione dei migranti così come l’hanno vissuta gli isolani. I centri d’accoglienza pieni, la diffidenza di chi viene dal continente e si vede portar via la casa, il razzismo che velatamente accomuna i più. Perchè diciamocelo, chi non ha vissuto gli sbarchi non potrà mai capire. Ed è più semplice giudicare quegli uomini e quelle donne che arrivano in Italia in condizioni disperate. Ci siamo mai chiesti cosa li spinge ad affrontare un viaggio tanto pericoloso?

La storia di Salvatore e Giulia all’inizio mi aveva incantata, alla fine invece mi è venuta a noia. Ammiro la caparbietà ma ad un certo punto ho iniziato a non sopportare nessuno dei due. Entrambi hanno un loro spessore, fondamentale ai fini della storia. Avrei dato meno importanza alla storia d’amore e avrei approfondito alcuni aspetti degli sbarchi ma si sarebbe rivelato alla fine mortalmente noioso per alcuni.

Ne avevo letto così bene che terminate le letture iniziate mi son dedicata a Le tartarughe tornano sempre. Invece non ha soddisfatto a pieno le mie aspettative.

3 stelle

#2016bingoreadingchallenge

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: