Muses

MusesMuses

Quando scappa da Roma diretta a Londra, coperta di tatuaggi e piercing, Alice sente che la sua vita potrebbe cambiare per sempre. Ha appena scoperto di essere stata adottata, ma per lei questa notizia è quasi un sollievo. Cresciuta con un padre violento e una madre incapace di esprimere il proprio affetto, ora Alice deve scoprire le sue radici e l’eredità che le ha lasciato la sua vera famiglia. Decisa, risoluta, ribelle, è una violinista esperta ed è dotata di una voce straordinaria. Ed è proprio questa voce a guidarla verso la verità: le antiche nove Muse, le dee ispiratrici degli esseri umani, non si sono mai estinte. Camminano ancora tra noi. I loro poteri si sono evoluti. E Alice è una di loro. La più potente. La più indifesa. La più desiderata da chi vorrebbe sfruttarne gli sconfinati poteri per guidare gli uomini, forzarli se necessario, fino alle conseguenze più estreme. Ma un dono così può scatenare l’inferno. E sta per accadere.

Muses è il primo romanzo della serie omonima creata da Francesco Falconi. Non avevo mai letto nulla di Falconi ed onestamente avrei potuto continuare a farlo. Muses non mi ha entusiasmato per niente. Ci sono stati alcuni passaggi che hanno meritato tutta la mia attenzione ma per il resto ho trovato la storia pesante. Alice si domanda troppe volte perchè mai dovrebbe essere lei una Musa rendendo il suo personaggio di una pesantezza esagerata. Inoltre la continua descrizione dei suoi molteplici tatuaggi e piercings… abbiamo capito che era una ragazza problematica ma perchè sottolinearlo ogni capitolo? Muses mi ha deluso profondamente nonostante ci fossero molte recensioni positive in merito. Per cuirosità prossimamente leggerò anche il seguito La Decima Musa ma non mi aspetto niente di interessante.

Un libro con una sola parola nel titolo

#2015readingchallenge

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: