Nerve – Omaggio #12

NerveNerve

Adrenalina, soldi, followers, vita, successo, fama, amore, likes, vendetta, sopravvivenza… Per cosa giochi?

Quando viene selezionata come concorrente per Nerve, un gioco in diretta online, Vee non è sicura che avrà il coraggio necessario ad affrontare le sfide via via proposte. Eppure chiunque si nasconda dietro Nerve sembra conoscerla alla perfezione e sapere esattamente ciò che desidera: i premi sono allettanti e il suo partner nel gioco è il ragazzo perfetto, il brillante e sensuale Ian. In un primo momento tutto si rivela incredibilmente divertente: i fan di Vee e Ian tifano per loro e li spingono ad alzare la posta con imprese sempre più rischiose. Ma il gioco ha una svolta poco chiara quando i partecipanti vengono indirizzati verso una località segreta con altri cinque giocatori per il round del Gran Premio, la finale di Nerve. Improvvisamente stanno giocando il tutto per tutto e in palio c’è la loro vita. Fino a che punto il sangue freddo di Vee la sosterrà per andare avanti?

Recensione

E finalmente anche la lettura di Nerve è andata. Anche perchè i Nerve stavano venendo a me con quella piattola di Vee.

Un reality show in cui i partecipanti devono superare delle sfide in cambio di soldi, premi e notorietà. È questo che spinge la timida e riservata Vee a iscriversi a Nerve non sospettando minimamente che una volta iscritta ogni sfida la spingerà sempre più verso la via del non ritorno. Ad accompagnarla in questa assurda corsa verso i regali sempre agognati, Ian. Bello e affascinante ma non più spesso della protagonista che boh…

Ammetto di aver iniziato Nerve piena di aspettative e di averlo voluto cestinare dopo 3 capitoli. Mi ha ricordato per certi versi Hunger Games anche se almeno là l’obiettivo finale era ben chiaro, sopravvivere agli altri concorrenti. E la sua protagonista ha un certo spessore, dei princìpi sani e ben delineati.

Nel caso di Vee pare che siano i regali messi in palio da questo gioco ad indurre lei ma anche Spettatori e Spettatrici a superare sempre i limiti. Dal rovesciarsi un bicchiere d’acqua in testa a rischiare la vita è un attimo. Nel senso che le pagine scorrono piuttosto velocemente e ti ritrovi a chiederti perchè la gente sia così demente. E vogliamo parlare del fattaccio? No, lasciamo perdere!

Se il personaggio di Vee è completamente piatto e a tratti comico, quello di Ian è un grande punto interrogativo. L’autrice aveva creato una bella storia senza dubbio ma ci ha piazzato dentro due personaggi approssimativi. Le ragioni che spingono i ragazzi a sfidarsi sono quelle tratte da noi lettori. Vee è sempre rimasta all’ombra della sua migliore amica, innamorata di un ragazzo che ha occhi solo per Syd e che non si rende conto del ragazzo che ha accanto e che in modo più o meno impacciato le sta dicendo qualcosa. Ian vuole scappare, da cosa? Dalla famiglia? È uno psicopatico?

In linea generale Nerve poteva essere un distopico interessante e accattivante, peccato che i personaggi siano stati resi così poco credibili…

#2017readingchallenge


Acquistami: Nerve

[penci_review]


Ringrazio Federica e tutta la casa editrice Newton Compton Editori per l’omaggio e per avermi dato la possibilità di collaborare con voi.

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: