Paper Magician

Paper magician - Charlie N. HombergPaper Magician

Ceony Twill, giovane e talentuosa allieva dell’accademia di magia Tagis Praff, sta finalmente per cominciare l’apprendistato che la legherà per tutta la vita all’elemento magico che ha sempre desiderato. Eppure, contrariamente a quanto sognava, il suo destino non sarà scritto nel metallo ma sulla carta. Tra fogli che si animano dando vita a personaggi incredibili e storie fantastiche che la lasceranno a bocca aperta, toccherà allo stravagante mago Emery Thane convincerla delle qualità straordinarie di un elemento così delicato e allo stesso tempo prodigioso. Così, quando Lira, malvagia praticante di arti magiche proibite, priverà il maestro del suo cuore, Ceony per tenerlo in vita gliene confezionerà uno di carta, per poi volare sulle ali di un enorme aeroplanino all’inseguimento della perfida maga, verso un’avventura che porterà alla luce i ricordi più lontani e i segreti più taciuti, nascosti nell’angolo più remoto dell’anima.

Siamo agli inizi del 900 a Londra. Tutti i ragazzi appena diplomati alla scuola di magia Tagis Praff sono invitati a scegliere il materiale con cui terminare gli studi e iniziare l’apprendistato. A Ceony non viene data questa possibilità e il suo sogno di diventare fonditrice viene soppiantato dal Vincolo della magia della carta. Diventare un mago della carta, un Paper Magician, le sembra orribile. Ma ad appena un mese dall’inizio del suo apprendistato ecco che le si para davanti una maga del male, un’escissionista, che ruba il cuore del mago Thane, il maestro di Ceony. Per salvarlo, l’unica possibilità della ragazza sarà donargli un cuore di carta.

La storia di fondo mi è piaciuta moltissimo. La continua lotta tra bene e male, l’espiazioni di colpe che non si hanno, la salvezza di Emery Thane sono gli argomenti che vengono toccati in queste duecento pagine. Paper Magician non è solo una storia di magia. E’ anche una storia di speranze e di amore. L’idea che il cuore di Emery Thane possa rivelarsi un viaggio per la salvezza del mago la trovo fantastica. Ho trovato pesanti alcuni capitoli in cui Ceony non ha fatto altro che: lamentarsi, cucinare, lamentarsi, cucinare e… lamentarsi.

Ceony non rispecchia per niente il mio ideale di eroina. E’ immatura ma non le manca il coraggio. E’ irresponsabile ma è l’unica che può salvare Thane da Lira e da tutti gli escessionisti. Thane è un mago strampalato per i canoni a cui sono abituata. Un minuto prima è perso nei suoi pensieri e quello dopo è tutto un “piega così, piega colà”. Però è un personaggio che secondo me ha ancora molto da dare. Lira, la cattiva della situazione, oltre ad essere un’escissionista (manipola la magia attraverso il sangue e il corpo umano) è anche la figura che più mi ha intrigata. Una donna ferita dal suo amante, una donna che ha scelto per motivi non meglio specificati di passare dalla parte del male invece di usare il suo presunto potere e la sua abilità come infermiera per fare del bene. Non si preoccupa di quante vite dovrà togliere per raggiungere il suo obiettivo e sono certa che prima o poi rispunterà in qualche sequel.

Della copertina che dire. Ho deciso di acquistare Paper Magician e di conseguenza Glass Magician solo per la copertina. Ho letto le trame in un secondo momento e non posso dire che mi abbiano colpita particolarmente. Probabilmente se non fosse stato per la copertina non li avrei acquistati. Continuerò a leggere la saga, per il momento ferma al suo secondo capitolo intitolato Glass Magician, perchè son curiosa dell’evolversi della storia.

Riuscirà Ceony a diventare una maga della carta? E voi quale materiale vorreste manipolare?

3 stelle

#2016bingoreadingchallenge

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: