Review Party – Il regno del male – Omaggio #25

Il regno del maleIl regno del male

Quando il sacerdote avvicina la fiamma al braccio di Kausi e Coral, il Segno si accende subito. E la loro vita è condannata: chi porta il Segno non può vivere con gli altri. I due ragazzi devono abbandonare il villaggio, valicare le Grandi Paludi, inoltrarsi in una terra di cui si parla solo nei miti e nelle leggende, e dalla quale nessuno ha mai fatto ritorno.

Tutto il Regno è in ginocchio: da ovest una terribile epidemia di peste infuria e decima intere Regioni; il re è troppo debole e pavido per opporsi ai suoi avidi duchi e ai barbari che premono alle frontiere del nord; a sud intere popolazioni sono in marcia per sfuggire alla fame e alla guerra.

E quando nella Tredicesima Regione l’erede del duca Courteneray finisce nelle mani di Rakha, ragazza dal fascino misterioso e con una strana luce negli occhi, gli eventi iniziano a vorticare sempre più velocemente, scatenando una tempesta capace di travolgere ogni cosa. Nobili corrotti schiacciano la miseria della plebe, l’ambizione e la sete di potere spingono oscuri personaggi a tramare nell’ombra.

Recensione

Il regno del male è il primo di una serie che ha come perno centrale un regno devastato e il Male. Quindici diverse regioni governate da quindici duchi che fanno capo ad un solo re, Dun Primo. Sandro Ristori ci racconta di questo regno, del male che lo invade e della decadenza a cui è destinato. Tante storie e tanti personaggi per tessere un’unica grande storia.

Leggere Il regno del male non è stato semplice. Intanto perchè il mio Kindle ha deciso di farmi impazzire e quindi mi tagliava il testo a metà e ho dovuto riavviarlo millemila volte e poi perchè ho trovato la storia faticosa da seguire. Mi spiego meglio… Il romanzo mi è piaciuto nonostante i primi capitoli non mi avessero fatto impazzire. Man mano che andiamo avanti nella storia mi sono affezionata ad alcuni personaggi e non ho potuto far altro che volerne leggere di più.

Il regno del male rispecchia perfettamente quello che il romanzo vuole trasmettere. Il Male vince su tutto, ogni azione e ogni decisione viene presa per attrarre il Male. Fin dalle prime pagine, quando incontriamo due giovanissimo Coral e Kausi prima dell’ispezione per la ricerca del Segno, si può notare le cattiverie dei due.

Il Male permea le pagine, è vivo e pulsante. Non c’è spazio per sciocchi sentimentalismi o per la pietà nei confronti di una famiglia che ha appena perso la madre. Primo capitolo di una serie, Il regno del male, ha posto le basi per una serie che penso possa davvero piacere. È un fantasy interessante, il finale super aperto lascia spazio all’immaginazione.

Cosa succederà ora? Il regno è davvero perduto come si pensa? E la gente del Segno, quelli che tutti evitano peggio della peste, tornerà in mezzo ai normali? Domande che riceveranno risposta prima dell’uscita del secondo capitolo.

[penci_review]


Ringrazio Federica e tutta la casa editrice Newton Compton Editori per l’omaggio e per avermi dato la possibilità di collaborare con voi.

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: