Review Party – L’incantesimo della spada – Omaggio #32

L'incantesimo della spadaL’incantesimo della spada

In un regno in cui gli incantesimi sono banditi, l’unica magia rimasta è l’amore
«Deglutisci, figlia. Ingoia le parole, bloccale nel profondo della tua anima. Nascondile, chiudi la bocca sul tuo potere. Non maledire, non curare. Non parlerai, ma imparerai. Silenzio, figlia. Rimani viva».
Il giorno in cui mia madre è stata uccisa, ha detto a mio padre che non avrei mai più pronunciato una sola parola e che se fossi morta, lui sarebbe morto con me. Predisse anche che il re avrebbe venduto la sua anima e avrebbe ceduto suo figlio al cielo. Da allora mio padre attende di poter avanzare la sua pretesa al trono e aspetta nell’ombra che tutte le parole di mia madre si avverino. Desidera disperatamente diventare re. Io voglio solo essere finalmente libera. Ma la mia libertà richiede una fuga e io sono prigioniera della maledizione di mia madre tanto quanto dell’avidità di mio padre. Non posso parlare o emettere suoni. Non posso impugnare una spada o ingannare un re. In un regno in cui gli incantesimi sono stati banditi, l’unica magia rimasta potrebbe essere l’amore. Ma chi potrebbe mai amare… Un uccellino?

Recensione

I fantasy, lo sapete, sono i libri che mi hanno fatta appassionare alla lettura quindi sono sempre molto esigente al riguardo. È passato tanto tempo da quando leggevo solo fantasy ma ancora provo soddisfazione a leggerne uno ogni tanto. L’incantesimo della spada è uno di questi. Ed è fantastico!

Fin dalle prime righe Amy Harmon ti porta a Jeru. Ed è proprio a Jeru che è ambientata tutta la storia. Lark è muta fin da bambina ma ha trovato il modo di comunicare con il suo carceriere, il principe Tiras. Sono molto simili eppure diversi e nonostante questo riescono a superare le difficoltà e gli attentati alla loro vita.

Non c’è un solo dettaglio che cambierei della storia perché ogni personaggio è fondamentale alla riuscita della stessa. Lark, con il dono della parola e Tiras con il suo dono che deve tener nascosto a tutti. Kjell, intransigente e diffidente, con il suo amore smisurato per il fratello e per il suo regno. Il troll poi è uno spasso.

Non manca l’amore nè la magia ma non mancano nemmeno le risate e i sorrisi per i due protagonisti. Difficilmente non si riesce a far il tifo per uno dei due. Io ho fatto il tifo sempre per Lark, dal momento in cui ha fatto volare i suoi pupazzetti. È una ragazza semplice, cresciuta come una prigioniera dal suo stesso padre e protetta dal suo potere.

Ho provato a cercare il secondo capitolo per provare a leggerlo in inglese ma non l’ho trovato. Ho adorato lo stile dell’autrice, stile che spero di trovare in altri suoi romanzi che mi son stati fortemente consigliati. Una penna fluida, leggera eppure che ti entra dentro.

Ora non ci tocca che aspettare i prossimi capitoli! Vi lascio anche io il calendario con tutte le recensioni passate, presenti e future!

L'incantesimo della spada


[penci_review]


Ringrazio Federica e tutta la casa editrice Newton Compton Editori per l’omaggio e per avermi dato la possibilità di collaborare con voi.

Cookies help us deliver our services. By using our services, you agree to our use of cookies. More Info | Close
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: